vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Brandizzo appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Privacy UE GDPR 2016/679 RPD - DPO Responabile della protezione dei dati personali

Privacy UE GDPR 2016/679 RPD - DPO Responabile della protezione dei dati personali

23 maggio 2018

Con determinazione n. 271 del 18.5.2018 si è proceduto ad affidare il servizio di designazione del responsabile della protezione dati (dpo) mediante ordine diretto su Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA) alla ditta Isimply Learning Srl.
Con decreto del Sindaco n. 4 del 21.5.2018 il Sig. Capirone Enrico è stato designato quale Responsabile della protezione dei dati personali (RPD - DPO) del Comune di Brandizzo che agisce per nome e per conto della ditta Isimply Learning Srl.
Nel rispetto di quanto previsto dall’art. 39, par. 1, del GDPR (o RGPD secondo l'abbreviazione italianizzata), Nuovo Regolamento UE 2016/679, è incaricato di svolgere i seguenti compiti e funzioni:
- informare e fornire consulenza al titolare del trattamento o al responsabile del trattamento nonché ai dipendenti che eseguono il trattamento in merito agli obblighi derivanti dal citato regolamento nonché da altre disposizioni dell’Unione o degli Stati membri relative alla protezione dei dati;
- sorvegliare l’osservanza del RGPD, di altre disposizioni dell’Unione o degli Stati membri relative alla protezione dei dati nonché delle politiche del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento in materia di protezione dei dati personali, compresi l’attribuzione delle responsabilità, la sensibilizzazione e la formazione del personale che partecipa ai trattamenti e alle connesse attività di controllo;
- fornire, se richiesto, un parere in merito alla valutazione d’impatto sulla protezione dei dati e sorvegliarne lo svolgimento ai sensi dell’art. 35 del RGPD;
- cooperare con il Garante per la protezione dei dati personali;
- fungere da punto di contatto con il Garante per la protezione dei dati personali per questioni connesse al trattamento, tra cui la consultazione preventiva di cui all’art. 36, ed effettuare, se del caso, consultazioni relativamente a qualunque altra questione.
Il Garante per la protezione dei dati personali ha accettato la comunicazione in data 22.5.2018

Allegati

Link